Normative sui Compensi degli Amministratori: Chiarimenti dalla Corte dei Conti

La Corte dei Conti, Sezione Regionale di Controllo per la Puglia, ha recentemente emesso la deliberazione n. 62/2024/PAR in risposta alla richiesta di parere avanzata dal Comune di Trani riguardante le corrette modalità di calcolo dei compensi degli Amministratori di una società controllata. L’analisi della Corte fornisce importanti chiarimenti sulla determinazione dei tetti ai compensi, offrendo indicazioni fondamentali per una gestione finanziaria oculata delle società a controllo pubblico.

La Deliberazione della Corte dei Conti

La richiesta di parere del Comune di Trani si focalizza sulle modalità di calcolo dei compensi degli amministratori delle società controllate pubbliche, in particolare riguardo all’interpretazione dell’art. 11, comma 7, del decreto legislativo 175/2016. La Corte dei Conti sottolinea l’importanza di rispettare il limite del 80% del costo complessivamente sostenuto nell’anno 2013 per i compensi degli amministratori, come stabilito dalla normativa vigente.

La deliberazione chiarisce che il calcolo del tetto di spesa deve tener conto di tutte le voci di costo, inclusi gli oneri previdenziali a carico della società. Inoltre, viene evidenziato che il rispetto di questo limite è fondamentale per garantire il contenimento della spesa pubblica e la corretta gestione finanziaria delle società partecipate.

Implicazioni per le Amministrazioni

Le amministrazioni pubbliche e le società controllate devono monitorare periodicamente l’evoluzione delle diverse voci di costo relative ai compensi degli amministratori, assicurando che il saldo totale rientri nel limite di spesa stabilito dalla normativa. Questo monitoraggio è fondamentale per garantire la conformità alle disposizioni legislative e per evitare eventuali sanzioni o problemi di bilancio.

Per ulteriori informazioni o per consulenze specifiche riguardo l’applicazione di questa sentenza, non esitate a contattarci. La nostra esperienza nel settore è a vostra disposizione per garantirvi il pieno rispetto delle normative vigenti e per supportarvi nella gestione ottimale delle vostre risorse.

Notizie correlate


PEF IMPIANTI – APPROVAZIONE DEGLI SCHEMI TIPO

ARERA ha pubblicato sul proprio sito la Determina 2/2024- DTAC attraverso la quale vengono approvati gli schemi tipo…

RIFIUTI – TARI, APPROVATA LA PROROGA PER I COMUNI

La Commissione Finanze del Senato ha approvato due emendamenti che apportano significative novità per i Comuni e…

MTR-2 approvati schemi tipo e nuovo Tool

Con la pubblicazione della Determinazione ARERA 1/DTAC/2023 l'Autorità Nazionale ha reso disponibili i documenti…

MTR aggiornamento 2024-2025: Paragon Advisory affianca ATERSIR e i Comuni dell’Emilia-Romagna

Con la Delibera 03 agosto 2023 389/2023/R/rif “Aggiornamento biennale (2024-2025) del metodo tariffario rifiuti…